Osservatorio Antimafie della Brianza*

Osservatorio Antimafie della Brianza*
I GIOVANI HANNO BISOGNO DI EROI VIVI

martedì 24 febbraio 2015

SANGALLI: IL GIUDICE LI CONDANNA, IL SINDACO DI MONZA LI AIUTA


 

ASSOCIAZIONE AFFARISTA

DI STAMPO MONZESE

IL 19 GENNAIO 2015 IL TRIBUNALE CONDANNA LA SANGALLI SRL PER CORRUZIONE NEL PATTEGGIAMENTO DELLA PENA. PROCESSO NEL QUALE E’ EMERSA UNA GIGANTESCA TRUFFA DI CIRCA 14 MILIONI DI EURO AI DANNI DEI CITTADINI MONZESI. IL 20 GENNAIO IL SINDACO DI MONZA FIRMA UNA TRANSAZIONE CON I SANGALLI PER SOLI 4,8 MILIONI DI EURO. AL PUNTO N.7, DI QUESTA, FRA LE ALTRE STUPEFACENTI CONCESSIONI SI SCRIVE: ”parimenti il Comune di Monza rinuncia ad intraprendere qualsivoglia azione volta ad ottenere l’annullamento del contratto ovvero la risoluzione dello stesso ai sensi dell.135 DLgs 163/06 dichiarandosi soddisfatto dell’esecuzione degli obblighi gestionali discendenti dal contratto d’appalto”.

ORA SINDACO E GIUNTA CERCANO IN UN SURREALE DIBATTITO CONSILIARE DI COINVOLGERE ANCHE I CONSIGLIERI COMUNALI CHE DA BRAVI SOLDATINI DI PIOMBO DOVREBBERO SOSTENERE LE SCELTE SCONSIDERATE ED IRRESPONSABILI DEL SINDACO; PER ALTRO CONSAPEVOLI CHE A FRONTE DI UN ACCLARATO DANNO ERARIALE DOVRANNO PAGARE ANCHE LORO E IN SOLIDO.

DUNQUE A MONZA SI STA SCRIVENDO UNA PAGINA NERA DELLA LOTTA PER LA LEGALITA’ E LA GIUSTIZIA SOCIALE. IN QUESTO STAGNO ACQUITRINOSO NEL QUALE PERSONAGGI COME ANTONIO ESPOSITO  E I SUOI SODALI HANNO COMMESSO DANNI ALLA CITTADINANZA (L'APPALTO RISALE AL 2010 QUANDO GOVERNAVA MARIANI), UNA AMMINISTRAZIONE CHE A PAROLE (PER CATTURARE VOTI) FECE DELLA LEGALITA’ UN CAVALLO DI BATTAGLIA ORA DISVELA LA SUA VERA NATURA IN PIENA CONTINUITA’ CON LE VECCHIE AMMINISTRAZIONE DI CENTRODESTRA  AIUTANDO UNA CRICCA DI PERSONE CHE HANNO RUBATO CENTINAIA DI MILIONI DI EURO E CHE CONTINUERANNO A RICEVERNE ALTRETTANTI SINO AL 2019 SE NON OLTRE, NONOSTANTE IL GIUDIZIO DELLA MAGISTRATURA.

INFINE E NON MENO GRAVE QUESTA TRANSAZIONE SEMBRA UN FAVORE AD UN CONDANNATO: SANGALLI. NON TRANSARE POTREBBE INVECE ROMPERRE I VECCHI EQUILIBRI POLITICO AFFARISTICI CONSOLIDATI DA DECENNI

L’UNICA SCELTA CHE RIMANE A QUESTA AMMINISTRAZIONE E’ ARRENDERSI E DIMETTERSI. FORSE COSì MONZA AVRA’ UN FUTURO DI LEGALITA’ E DI TRASPARENZA E LE IMPRESE ONESTE POTRANNO PARTECIPARE AI BANDI DI GARA SENZA LA PREOCCUPAZIONE DI ESSERE TRUFFATE DA APPALTI TRUCCATI, E CHE ANCHE QUANDO DIVENTANO TALI, TROVANO UN SINDACO CHE SANZIONA E RIPORTA AI CITTADINI IL MALTOLTO. MA NON E’ IL CASO DI MONZA MA DI IMPERIA; MA QUESTA E’ UN’ALTRA STORIA.

 
admin
monza, 25 febbraio 2015

 

Nessun commento:

Posta un commento