Osservatorio Antimafie della Brianza*

Osservatorio Antimafie della Brianza*
I GIOVANI HANNO BISOGNO DI EROI VIVI

lunedì 2 settembre 2013

GP DI MONZA: VINTA LA BATTAGLIA DEI BIGLIETTI OMAGGIO

E SE IL GP D'ITALIA STA A MONZA PER LE TANGENTI???

Per questo GP d'Italia edizione 2013, non ci saranno i biglietti omaggio per consiglieri comunali e le varie combricole annidate nel comune. Chi vuole andare a vedere prove e gara dovrà accreditarsi presso l'ufficio del sindaco che mette a disposizione l'area riservata alla ospitalità del Comune in autodromo.

C'è voluta la testarda battaglia con le continue denunce da parte dell'Osservatorio sulla questione biglietti omaggio e una inchiesta della magistratura monzese per mettere la parola fine a questo scandalo dai risvolti raccapricianti. Infatti si da il caso che non solo c'era una vera bolla speculativa di centinai di biglietti stampati omaggio, ma il funzionario SIAE sotto inchiesta Amerigo Martino, secondo gli inquirenti, prendeva una tangente di 100.000,00 all'anno per lasciare mano libera sulle quantità di tikets da far circolare.

La tecnica sempre la stessa, comunicare qualche mese prima che la prevendita andava bene ma in realtà in circolazione c'erano solo i bilgietti acquistati regolarmente dai club organizzati in mezzo mondo e i biglietti omaggio. Tanto è vero che ancora oggi i tecnici del tribunale che stanno vagliando le carte del processo che ha trascinato alla sbarra ben 17 persone, fanno fatica ad estrapolare dati e cifre legate agli effettivi costi ed introiti dei vari gran premi.

Inoltre questa gestione mafiosa e clientelare dei biglietti ha spinto persone senza scrupoli ha rivenderli ai bagarini, solitamente gestiti dalla camorra. Se a questo si aggiunge lo scarso contrasto alle bancarelle che vendono materiale contraffatto, anch'esso "regolato" dagli uomini della camorra si capisce perchè abbiamo definito il GP d'Italia il Gran Premio dell'illegalità.

Infine stiamo attendendo con ansia gli sviluppi dell'inchiesta relativa ai conti esteri e le risposte che i magistrati si aspettano dall'Inghilterra, nazione verso la quale gli uomini della SIAS fatturavano a società tutt'ora al vaglio. Secondo il nostro modesto punto di vista l'altalena delle dichiarazioni relative alla permanenza o meno del GP d'Italia a Monza pare essere più determinata dalla capacità economica di sostenere l'evento come dichiarato in varie interviste dal boss della FIA Ecclestone. In altre parole può anche essere che la permanenza del GP a Monza sia condizionato dalla capacità degli organizzatori di pagare una tangente per ungere i meccanismi del sofisticato mondo della F1.

admin, 2 settembre 2013

Nessun commento:

Posta un commento