Osservatorio Antimafie della Brianza*

Osservatorio Antimafie della Brianza*
I GIOVANI HANNO BISOGNO DI EROI VIVI

martedì 29 gennaio 2013

STRAGE DI USTICA IL GIORNO DELLA VERITA'

USTICA: STRAGE DI STATI

LA FRANCIA PER IL MISSILE, L'ITALIA PER LE COPERTURE E I DEPISTAGGI

LA CASSAZIONE CONFERMA LA TESI DEL MISSILE AVANZATA NEL 1990 DAL DEPUTATO DI DEMOCRAZIA PROLETARIA, IN COMMISSIONE STRAGI, LUIGI CIPRIANI

Togliere il segreto di Stato per fare luce sui colpevoli della Strage e dei  depistaggi e delle connivenze.

I RISARCIMENTI LI DEVONO PAGARE I VERTICI DELL'AERONAUTICA ITALIANA E GLI ALLORA MINISTRI DEGLI ESTERI, DIFESA E INTERNI NON GLI ITALIANI.

Per gli 81 cittadini che quel 26 giugno 1980 viaggiavano sui cieli di Ustica, dopo 33 anni, è arrivata la verità: fu un missile ad abbattere il DC9 Itavia. Le responsabilità sono divise fra le gerarchie militari francesi ed italiane. Quel missile fu sganciato durante una battaglia aerea fra aerei Mirage e Mig Libici. Questi utlimi utilizzarono l'aereo civile come scudo dagli attacchi francesi. Le gerarchie militari italiane sono colpevoli di aver coperto tutto quello che è accaduto ma per questo non sono state ritenute colpevoli di depistaggio perché hanno potuto svolgere il loro lavoro coperti dal segreto di Stato. Infatti fin dalle ore successive alla scomparsa dai radar del DC9-Itavia tutti gli stati maggiori delle varie aeronautiche di Italia, Francia, USA e Libia, si sono dati da fare per coprire, nascondere i tracciati e depistare le indagini. Hanno lavorato scientemente per coprire e nascondere la verità, vera e scomoda. Depistaggi che iniziarono con cambiare le date del giorno nel quale venne abbattuto un Mig libico caduto in Calabria a Timpa delle Magare. Circostanza questa che se fosse stata confermata avrebbe confutato gli argomenti di coloro i quali sostenevano la tesi della battaglia aerea. Hanno nascosto e manomesso i tracciati radar dell’osservatorio di Poggio Ballone in Toscana, occhio accesso tutto il giorno sul territorio nazionale. A denunciarlo fu un coraggioso deputato dell’allora Democrazia Proletaria in Commissione Stragi, Luigi Cipriani, che già nel 82 denunciò i fatti e le manomissioni. Per continuare l'opera di nascondere la verità vennero, in momenti diversi, tolti di mezzo testimoni scomodi per un processo che giunti a questo punto non si celebrerà mai. Ma almeno la parola verità, anche processuale l'abbiamo: USTICA STRAGE DI STATI.

CIPRIANI, svolgeva la sua attività, nonostante soffrisse di diabete. Per questo nel settembre del 2002 muore d'infarto. Se fosse con noi oggi sarebbe la sua giornata.
ciao Cippone.

per saperne di più
http://www.stragediustica.info/

chi vuole conoscere la storia di Luigi Cipriani
http://www.fondazionecipriani.it/storia.html

admin, 29 gennaio 2013


Nessun commento:

Posta un commento