Osservatorio Antimafie della Brianza*

Osservatorio Antimafie della Brianza*
I GIOVANI HANNO BISOGNO DI EROI VIVI

domenica 15 luglio 2012

LA CUPOLA SOTTO PROCESSO E SPUNTANO I COMITATI DI AFFARI LOCALI

CARATE BRIANZA: CLAMOROSA ED INQUIETANTE CONTINUITA' AFFARASTICO-CRIMINALE.

Mentre continuano le udienze del processo alla cupola politico-affaristico-criminale, IL CAPITALE SOCIALE DELL'ORGANIZZAZIONE CRIMINALE ( da ordinanza inchiesta "Infinito") qui in Brianza, non manca giorno che si scoprono i vari comitati di affari che non possono più godere delle protezioni che Ponzoni, Perri, Brambilla e altri garantivano. L'ultimo in ordine di tempo, dopo Muggiò (Tornado Gest), Desio (Infinito, Vivacqua e inchiesta di Banca d'Italia.al Banco di Desio su riciclaggio); Seregno (Infinito, Poltronificio, PGT,"Redux Caposaldo" www.infonodo.org/node/28721  e affaire Talice) quello di Carate Brianza. Infatti nella giornata di giovedì 12 luglio scorso, proprio a due anni esatti dagli arresti dell'operazione "Infinito", sono stati fermati e arrestati un consigliere comunale e un gruppo di architetti, geometri con gli immancabili faccendiere e l'imprenditore prestanome di turno. Apparentemente nulla di nuovo, fatto salvo che questi arresti segnalano che per le grandi opere di natura urbanistica, con particolare riferimento ai Piani di Governo del Territorio, su tutta la Brianza appare esserci proprio un team di esperti e faccendieri che, denaro alla mano, interferisce nella gestione democratica e partecipata sui destini di ampi spazi della nostra Brianza. Bene hanno fatto le amministrazioni di Desio, Monza, Lissone che hanno dato segni importanti di discontinuità con le precedenti amministrazioni azzerando i PGT in vigore. Male invece fanno quelle amministrazioni come Limbiate, che nonostante il cambiamento, indugiano nel voltare pagina e avviare un nuovo corso per la gestione del territorio. Oggi in Brianza si sta giocando una partita durissima sul terreno della legalità e della gestione democratica e trasparente del territorio e dei beni comuni come Cicro idrico, energetico e dello smaltimento dei rifiuti. Un impegno che deve vedere la stretta collaborazione fra Magistratura, buona politica e cittadinanza. Solo così potremo sconfiggere la malapinata della politica sporca, brodo primordiale nel quale sguazza lo squalo criminale-malavitoso.

http://www.ilvostro.it/cronaca/tangentopoli-col-morto-nellhinterland-sei-arrestati-nel-milanese/48096/

admin, 15 luglio 2012

Nessun commento:

Posta un commento