Osservatorio Antimafie della Brianza*

Osservatorio Antimafie della Brianza*
I GIOVANI HANNO BISOGNO DI EROI VIVI

venerdì 1 giugno 2012

ECCO IL CLASSICO ESEMPIO DI CATTIVO MAESTRO: DIRETTAMENTE DALL'ARMA DEI CARABINIERI...

"Mafia? Meglio non parlarne"


Uscita shock del sindaco di TrapaniL'ex generale dei carabinieri, diventato primo cittadino con il Pdl, parla ai ragazzi di una scuola, loda il progetto sull'educazione alimentare e boccia quelli che analizzano Cosa nostra: "Spaventano i giovani"
"Le manifestazioni sulla mafia? Meglio di no. I corsi di sui prodotti tipici locali? Ben vengano". A pensarla così è Vito Damiano, generale dei carabinieri in pensione, neo eletto sindaco di Trapani sotto le insegne del Pdl.

In una delle sue prime apparizioni pubbliche, Damiano ha rispolverato un vecchio adagio: "Non bisogna parlare di mafia. Perché le si dà importanza. E poi i giovani si spaventano".
I giovani sono quelli della scuola media "Simone Catalano" in occasione della giornata conclusiva del progetto per l'educazione alimentare, finanziato dal Comune. "Questo sì che è un bel progetto - dice Damiano - quelli nei quali si parla sempre e solo male di mafia, in realtà danno importanza ai mafiosi. Bisogna invece puntare su progetti improntati allo sviluppo sociale. Questi sono i progetti che io sosterrò da sindaco".
L'uscita di Damiano ha sollevato un vespaio. E dall'opposizione lo si invita a ritrattare parole "di una gravità assoluta" che evocano il profilo di un suo predecessore, Erasmo Garuccio: il sindaco che nel 1985 si spinse a dire "la mafia non esiste".
Ma l'ex generale dei carabinieri non ritratta e rincara: "È giusto parlare di legalità ma di legalità concreta. Io preferisco finanziare un laboratorio ed uno studio finale dedicato ai prodotti tipici locali che uno studio sulla mafia, dove magari gli studenti recitano perché imbeccati".
Per il sindaco "ci sono le ore di educazione civica per parlare di mafia. Finché ci sarò - tuona - si parlerà di mafia nella maniera più contratta possibile, per non fare vivere i ragazzi nella paura". E a chi ricorda a Damiano che un suo grande elettore ed assessore, Antonio D'Alì, è atteso ad ottobre da un processo per concorso esterno in associazione mafiosa risponde secco: "Vorrà dire che al termine di ogni mia dichiarazione sul tema dirò: abbasso la mafia".
di GIACOMO DI GIROLAMO
da La Repubblica
(01 giugno 2012)

Nessun commento:

Posta un commento