Osservatorio Antimafie della Brianza*

Osservatorio Antimafie della Brianza*
I GIOVANI HANNO BISOGNO DI EROI VIVI

sabato 19 marzo 2011

DON PEPPINO DIANA, UNO DI NOI...

Don Giuseppe Diana è morto, ucciso dalla camorra il 19 marzo 1994 nella sacrestia della chiesa di cui era parroco, a Casal di Principe. Si stava preparando a celebrare la messa, quando quattro proiettili ne hanno spento per sempre la vita terrena. Don Luigi Merola nel 2009 in un articolo su ''La Repubblica'' ha ricordato Don Merola ed ha denunciato:'' È possibile che la nostra Chiesa non riusce a fare un "catechismo per la legalità"?Amare la Chiesa significa, usando le parole di don Peppino, «parlare senza tacere», come il profeta Isaia che sfidò i potenti del tempo. La Chiesa è per sua natura la Parola di Dio. Il Dio della Bibbia, è il «Dio che parla».'' Ha poi aggiunto: '' don Diana non è stato ammazzato solo dai proiettili della pistola, non c´è una sola responsabilità: la camorra che domina le nostre terre. Don Diana è stato ammazzato anche dal silenzio della nostra Chiesa, che non ha preso posizione, che non ha alzato la testa, che non ha fatto muro contro le calunnie, anzi spesso l´ha alimentato. Sulla legalità vedo ancora tanto individualismo, poca comunione, poca partecipazione collettiva. Don Peppino è morto anche per contrastare i particolarismi e gli individualismi. Non facciamolo morire nuovamente.''

Nessun commento:

Posta un commento