Osservatorio Antimafie della Brianza*

Osservatorio Antimafie della Brianza*
I GIOVANI HANNO BISOGNO DI EROI VIVI

giovedì 28 ottobre 2010

ALLA BRIANZA SERVE QUESTO OBROBRIO?


PEDEMONTANA: GLI AFFARI DELLA MALAPOLITICA E DELLA ‘NDRANGHETA IN LOMBARDIA, PASSANO PER LA PROVINCIA DI MONZA BRIANZA.
In questo maxi svincolo si celano gli interessi di chi è proprietario di terreni con società edili e del movimento terra: la Gefim srl.
Gefim srl: un po immobiliare, un po impresa edile; di tutto un po. Chi si cela in Gefim srl? Prestanome di interessi della famiglia Cannarozzo nella quale Domenico è stato intercettato nell’inchiesta “Infinito” (foglio n.700 dell’ordinanza del 5/7/2010) che ha portato in carcere una dozzina di esponenti della “locale” di Desio. Proprio il figlio Domenico Cannarozzo, secondo l’inchiesta “Stars Wars” sarebbe la persona che avrebbe ceduto il terreno della “Cava Molinara” di Desio a Fortunato Stellitano e per la quale vicenda è stato coinvolto anche l’ex assessore regionale Massimo Ponzoni. Secondo Stellitano, al telefono con Cannarozzo, Ponzoni avrebbe potuto sbloccare la situazione, visto che la cava era sotto sequestro. In questo verminaio di cointeressi si scopre da indiscrezioni giornalistiche che: “le aree 6, 47, 52 e 59 sono della Immobiliare Gardenia di Lissone, con socio unico la società Gefim di Desio e amministratore unico Antonella Racchini. La particella 73 è della società Gefim di Desio, di proprietà di Antonella Racchini e Giovanni Cannarozzo" . Visto lo stato della situazione complessiva sui costi e sulla trasparenza su come si stanno facendo espropri e non espropri e come si stanno attivando i cantieri il buon senso vorrebbe un STOP per verificare l’effettiva necessità e fattibilità di una infrastruttura INUTILE. O meglio utile per “lor signori” ma non per le cittadine e i cittadini brianzoli che si vedranno sventrare il territorio con cantieri sul modello della Salerno-Reggio Calabria.
comunicato stampa a cura dell'Osservatorio sulle mafie della Provincia di Monza e Brianza

Nessun commento:

Posta un commento