Osservatorio Antimafie della Brianza*

Osservatorio Antimafie della Brianza*
I GIOVANI HANNO BISOGNO DI EROI VIVI

mercoledì 4 agosto 2010

LIMBIATE: IN CONSIGLIO COMUNALE SI INFRANGONO I PRINCIPI DELL'ANTIMAFIA

da il giorno

— LIMBIATE —IN CONSIGLIO si parla di ‘ndrangheta. È stata l’opposizione a richiedere una seduta straordinaria per discutere, prima delle vacanze, una mozione sulla ‘ndrangheta, dopo aver dato forfait alla commissione capigruppo indetta dal sindaco la scorsa settimana. La mozione chiedeva al Comune di interrompere ogni rapporto con le aziende dell’architetto Adolfo Mandelli (arrestato per associazione mafiosa), amministratore della società «Villaggio del sole» che lavora al piano integrato di intervento in via Corelli, e di interrompere anche il Pii di via Monte Sabotino, anche questo oggetto dell’interesse del clan Valle, oggi bloccato dal Tar grazie alla perseveranza di alcuni cittadini che avevano denunciato delle anomalie. «Chiediamo di ritirare il ricorso fatto al Consiglio di Stato contro i cittadini e in appoggio alla San Invest» ha spiegato Mario Terragni della Sinistra per Limbiate. A difendere i piani integrati invece la mozione presentata dalla maggioranza di centrodestra che ha ribadito «la condivisione delle scelte politiche che sono state alla base dell’approvazione dei programmi integrati di via Corelli e di via Monte Sabotino», piani che quindi non si toccano anche perché, a detta dell’assessore alla Pianificazione del territorio Luca Mestrone, «non vi sono problemi di legalità, e quindi non vi è una valida ragione per interromperli o per ritirare il ricorso». Entrambi gli schieramenti in Consiglio si sono dichiarati preoccupati per le indagini in corso e hanno sentito la necessità di promuovere iniziative contro la mafia, ma è stato per loro impossibile, proprio a causa dei due piani integrati, votare un documento di sintesi comune.
IL COLPO DI SCENA c’è stato però a fine serata, quando Claudio Ceschini, di Forza Italia, ha dichiarato: «Voterò la mozione dell’opposizione». Scelta che ha scaturito l’ira del sindaco Antonio Romeo: «Da questo momento non ti ritengo più parte di questa maggioranza. In democrazia una maggioranza sostiene il sindaco, poi se ne parlerà nel partito». «Questo è il modo di tenere insieme la maggioranza» ha commentato Bruno Rubes della lista civica Città viva, all’opposizione a Limbiate, ma iscritto a livello nazionale al Pdl, anomalia limbiatese.Daniela Salerno

Nessun commento:

Posta un commento