Osservatorio Antimafie della Brianza*

Osservatorio Antimafie della Brianza*
I GIOVANI HANNO BISOGNO DI EROI VIVI

lunedì 2 agosto 2010

DAVANTI ALLA CRISI DI GOVERNO mafie spa STA A GUARDARE?

Tutti quanti si affannano a chiedersi cosa farà il PDL, cosa farà l'inopposizione e cosa faranno i poteri forti. Una parte di questi poteri si sono mossi e sono alla base della fuoriuscita dei finiani dal PDL. Inoltre anche i sassi sanno che la prospettiva di Fini è quella di comporre un centro con Casini e Montezemolo; c'è solo da capire chi farà il candidato premier e se il perimentro si ferma a Montez oppure ingloba anche il "mangiatore di cicoria" Rutelli; questo farebbe da pretesto a molti maldipancisti dentro il PD per cambiare casacca. Ma nessuno si interroga cosa stanno facendo gli uomini della "mafie spa", almeno quelli che non sono sotto inchiesta e dunque non sotto i riflettori. Che vi sia in atto una trattativa sotterranea è fin troppo chiaro: in queste ore i pontieri del PDL, di Fini e del PD sono in azione per capire come far concludere la legislatura. Il motivo è molto semplice: è statisticamente provato che il partito che fa cadere il governo è quello che esce con le ossa rotte dalle elezioni successive alla caduta. Lo sanno bene Bertinotti, Mastella e Casini e pure Bossi e dunque stanno tutti schisci. Ma l'affaire Caliendo potrebbe chiarire da subito lo stato di avanzamento dei lavori. Cioè se Fini lo mette rapidamente all'odg dei lavori della Camera la contromossa del cavaliere potrebbe essere quella di farlo dimettere. Se così non sarà si andrà alla conta. Ma è proprio su questa conta che personalmente nutro molti dubbi: infatti il berlusca, che può contare su ampie ed improvvise alleanze, può sperare sia nei franchi tiratori oppure in un accordo sotto banco col PD. Tant'è che nel delirio generale, è arrivato l'ennesimo inciucio: con voto bipartisan è stato nominato vice presidente del CSM Michele Vietti (udc) che è stato, in precedenti legislature, sottosegretario al ministero dell'ingiustizia con "il mafius di Arcore" come diceva una volta il capo dei legaioli Bossi. In questo pantano gli uomini della mafie si possono muovere con disinvoltura e potrebbero determinare l'esito della legislatura avendo dalla loro in parlamento una doppia dozzina di persone condannate e qualche insospettabile "franco tiratore" che nel segreto del voto potrebbe far saltare il piatto. Altro che i deputati finiani, protetti dal numero 33 di massonica memoria. Così il messaggio del voto al CSM è stato chiaro: c'è la volontà del Presidente della Repubblica, che è anche il Presidente del CSM, di andare avanti nella legislatura. Visto che in due volte il berlusca è stato azzoppato (1997 e 2004) e poi le elezioni le ha perse, viene caldeggiato da Quirinale l'ennesimo maxi inciucio (destra moderata, centro democratico) chiamato col nome di "governo tecnico". Cosa succederà non è dato a sapere (essedo osservatori e non maghi); ma sicuramente in queste ore febbrili e nelle prossime settimane,di contatti e relazioni i "manager calibro 9", dovranno avere delle garanzie che il loro sistema rimanga integro, per continuare a stare nelle profondità degli abissi del malaffare. Se queste garanzie non verranno date (e il centro e la sinistra dovrebbero essere chiari prossimamente) allora dagli abissi torneranno a riemergere gli uomini del terrorismo mafioso e lo Stato della Democrazia Costituzionale e della Repubblica Parlamentare dovrà essere in grado di rispondere efficacia. La cartina tornasole di questa ipotesi sarà se il "governo tecnico" nei pochi mesi che separano dalle ipotetiche elezioni anticipate della primavera 2011, varerà leggi che facciano tornare il sistema elettorale al proporzionale e che faccia la legge sul "conflitto di interessi". Solo il varo di questi due provvedimenti farebbe saltare architrave tra criminalità e politica. Avranno il coraggio di affrontare l'alieno malavitoso, nella sua versione parlamentare oppure sia a destra come a sinistra si muoveranno per bloccare sempre di più il sistema per chiudere i conti di la con Fini e di qua con Di Pietro e i Comunisti???

Nessun commento:

Posta un commento