Osservatorio Antimafie della Brianza*

Osservatorio Antimafie della Brianza*
I GIOVANI HANNO BISOGNO DI EROI VIVI

martedì 27 luglio 2010

LA MILANO DA SNIFFARE. QUELLA CHE PIACE AI BOSS. DE CORATO E LA LEGA DOVE SONO???

da Repubblica.it



"Nei bagni dell'Hollywood droghe di ogni tipocosì le donne diventavano più disponibili"
Milano, vip e cocaina: Belen, Lessa, Ribas, Yespica e i racconti ai pm delle notti folli in discoteca. E l'ex velina Lodo querela la Rodriguez. Una starlette: "Mai perdere di vista il tuo bicchiere, non si sa cosa potevano metterci"

di MASSIMO PISA



MILANO - Erano i tempi della spensieratezza. Della polvere di stelle e di quell'altra polvere bianca. Delle file in bagno per andare a "pippare", tutti insieme, veline e tronisti, bellone e driver. "Siamo fratelli, dio benedetto - urla la brasiliana Ana Laura Ribas al telefono di Davide Guglielmini, storico pierre dell'Hollywood - siamo una famiglia siamo... Viviamo lì dentro". Una festa continua, pompata dalla cocaina nella celebre discoteca di corso Como e nel vicino The Club: pagati i 200 euro del solito "tavolo con bottiglia", gli extra te li forniva la casa, privacy e immunità incluse."Il libero consumo di sostanza stupefacente - scrive nella sua ordinanza il gip Giulia Turri - diventa una delle attrattive dei locali. In questa particolare situazione chi cede stupefacente persegue un interesse che si concretizza nei termini di quella "visibilità" che deriva dal fatto di poter vantare un "tavolo centrale e visibile" in cui poter ospitare modelle o personaggi del mondo della moda, dello spettacolo, dello sport. La cessione di sostanza stupefacente diventa uno dei servizi offerti al cliente facoltoso".Belen Rodriguez e Fernanda Lessa, Francesca Lodo e Alessia Fabiani, Ana Laura Ribas e Aida Yespica, pure il tronista Francesco Arca, en passant. Tutti nomi citati dal driver Pietro Tavallini, già condannato, nei suoi interrogatori. La bestia, la cocaina, e le belle. Che ammettono, con distinguo. Fernanda Lessa, interrogata il 27 marzo 2007, rammenta
serate e timori: "Ricordo che all'Hollywood entravo all'interno del bagno del privé soprattutto il mercoledì sera e lì facevo uso di cocaina. Ho avuto modo di vedere che circolano anche altre droghe tipo ecstasy o MdMa che è una sorta di droga liquida che viene mischiata generalmente all'alcool. Anzi, mi sono accorta che era il caso di tenere sempre con sé il bicchiere, perché a tua insaputa potevano mettere nel bicchiere la droga. Il motivo è anche che in questo modo, in quanto drogate, si hanno donne più accondiscendenti a rapporti sessuali".Lo stesso giorno viene ascoltata Belen Rodriguez: "Ho fatto uso di cocaina insieme a Francesca Lodo - dice - a casa sua, solo due volte nei primi giorni di gennaio 2007. In entrambe le occasioni la droga me l'ha data Francesca. Non so dove Francesca la prenda, ma sono certa del fatto che ne fa assai uso. Lei mi invitava spesso ad andare nei bagni dell'Hollywood, le domeniche, sere in cui stavamo insieme con tutti i componenti del gruppo Lele Mora, ma io non la seguivo perché temevo l'effetto della cocaina. Ripeto, le uniche due volte che ho consumato droga è stato quando ero a casa di Francesca Lodo".Del resto, la soubrette argentina parla come del segreto di pulcinella, e lo era davvero: "È notorio che all'Hollywood - continua - circoli cocaina, un po' come in altri locali, e mi è capitato anche domenica scorsa di vedere all'interno del bagno esterno al privé tre ragazze cubane che assumevano cocaina. Tavallini aveva sempre la cocaina con sé e ne faceva uso insieme a Francesca Lodo all'interno del bagno del privé dell'Hollywood. Lo so perché, a parte una volta che li ho accompagnati, ma mi sono fermata nell'antibagno, le altre volte li ho visti entrare e la stessa Francesca Lodo mi diceva che aveva "pippato"".L'ex velina sarda sfila davanti agli investigatori il giorno, il 28 marzo '07: "Ho consumato cocaina all'interno dei bagni del privé dell'Hollywood con Pietro Tavallini e ricordo ancora che c'era anche Belen Rodriguez, anche se non sono certa del fatto che l'abbia consumata pure lei. La security l'ho vista raramente davanti ai bagni, anzi sono più le volte che non l'ho vista, che l'ho vista". Ieri la Lodo, lette le carte, ha annunciato querela all'ex amica Belen contestando la cessione di cocaina. Volano stracci intorno a quello che il vicedirigente della mobile milanese, Gigi Rinella, etichetta come "sistema"."Anche dopo le vicende giudiziarie soprannominate "Vallettopoli" - chiosa il gip Turri - gli assidui consumatori di sostanze stupefacenti e frequentatori dei locali di cui si discute non hanno cessato di reperire e consumare sostanze stupefacenti all'interno dei locali stessi". La pacchia era finita, e ancora non lo sapevano.

Nessun commento:

Posta un commento